|Analisi della gara del GP d'Australia 2022|:

La Ferrari detta legge. Il degrado mette fuori gioco la Red Bull e favorisce la Mercedes

F1 2022 GP d'Australia_ commenti e analisi_Lecerc vince_Verstappen fuori

Sconto e codice promozionale per i nostri lettori: Soluzione e politica sui cookie.

F1 2022 Risultati della gara del GP d'Australia: Leclerc, dominatore, vince e si porta a 34 punti, mentre Verstappen si ritira ancora una volta

Charles Leclerc ha dominato il Gran Premio d'Australia domenica, vincendo per la seconda volta nel 2022, mentre il campione del mondo Max Verstappen non è riuscito a concludere la gara.

Leclerc ha guidato tutti i 58 giri a Melbourne, aumentando il suo vantaggio in campionato a 34 punti in una giornata in cui i suoi principali rivali hanno avuto problemi.

Il compagno di squadra alla Ferrari, Carlos Sainz, è andato in testacoda al secondo giro dopo aver cercato di recuperare da una brutta partenza, mentre Verstappen ha lottato con il graining degli pneumatici prima di fermarsi improvvisamente al 39° giro per un problema meccanico.

LEGGI: COME FUNZIONA LA F1 DRS?

La Red Bull ha recuperato alcuni punti nel campionato costruttori, con Sergio Perez secondo, ma distanziato da Leclerc. George Russell ha beneficiato dei box dietro la safety car dopo un incidente di Sebastian Vettel e ha ottenuto il suo primo podio per la Mercedes in P3, davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton.

Le McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo si sono classificate rispettivamente al 5° e al 6° posto, ottenendo la migliore giornata del 2022 per il team. Hanno preceduto Esteban Ocon, Valtteri Bottas e Pierre Gasly, mentre Alex Albon ha ottenuto il primo punto della stagione per il team Williams.

Gran Premio d'Australia 2022 Leclerc parte in pole e vince!!!

Leclerc e la Ferrari sono i più forti in Australia

Leclerc ha vinto in Bahrain ed è stato un forte P2 in Arabia Saudita, quasi tenendo a bada Verstappen per vincere a Gedda.

Ma in quelle gare la lotta con la Red Bull e Verstappen è stata davvero equilibrata, un vero e proprio duello. Qui, a parte un breve spavento, oggi c'era un solo pilota in lotta per la vittoria.

Leclerc è stato in testa fin dall'inizio e sembrava in grado di staccare a piacimento. Ha preceduto Verstappen di quasi 10 secondi, una distanza enorme nella Formula 1 moderna e nell'era della gestione degli pneumatici, ed è stato poi in grado di ricostruire un nuovo distacco dopo la safety car per l'incidente di Vettel.

L'unico allarme si è verificato quando è andato largo alla ripartenza dopo l'incidente di Vettel, consentendo a Verstappen di prenderlo di mira. Ma, utilizzando lo stesso posizionamento esperto dell'auto che abbiamo visto in Bahrain, ha mantenuto il sangue freddo e ha conservato la posizione prima di scomparire lungo la strada.

Leclerc ha 37 punti di vantaggio in campionato sul secondo classificato Russell. Ma saranno i 46 punti di vantaggio su Verstappen, quinto classificato, a entusiasmarlo particolarmente. La strada da percorrere è ancora lunga, ma Leclerc e la Ferrari sembrano essere un vero affare.

Questo ha certamente compensato un weekend difficile per Sainz. Dopo una brutta sessione di qualifiche, si è ritrovato al 9° posto e ha aggravato la situazione con una brutta partenza e un successivo testacoda dopo essere andato largo nel tentativo di passare la Haas di Mick Schumacher.

Leclerc può ora guardare alla prima gara di casa della Ferrari del 2022, il Gran Premio dell'Emilia Romagna, il 24 aprile a Imola, dove si aspetta di essere di nuovo in lizza per la vittoria.

Ancora guai meccanici per Verstappen e la Red Bull

Fin dai primi giri della gara è stato chiaro che per Verstappen si trattava di una giornata che limitava i danni nel suo tentativo di mantenere il campionato.

Non ha avuto il passo per eguagliare Leclerc, in quanto ha lottato con la gestione delle gomme e si è rapidamente assestato in una lontana P2. Non è stato abbastanza veloce da avere un distacco dalle vetture dietro per poter rientrare ai box e tentare una strategia alternativa alla Ferrari senza uscire nel traffico, quindi si è dovuto accontentare dei 18 punti.

LEGGI: L'AERODINAMICA DI UN'ALA POSTERIORE DI F1 - CFD SPIEGATO NEL MOTORSPORT

Ma tutto questo è andato in fumo all'inizio del 39° giro, quando la sua Red Bull ha rallentato improvvisamente alla fine del rettilineo di partenza e si è ribaltata a lato della pista, con Verstappen che ha riferito di sentire "uno strano odore di liquido".

Anche Verstappen si è ritirato per problemi alla vettura in Bahrain e ora è a 46 punti da Leclerc. Lui e la Red Bull sperano che i problemi alle gomme e la mancanza di ritmo rispetto alla Ferrari siano stati specifici della pista e che possano lottare di nuovo in testa a Imola.

Il compagno di squadra Perez è stato lì a raccogliere i pezzi, conquistando la P2 con una bella guida. Dopo una partenza lenta e la perdita di posizioni durante il periodo di piena cautela, ha recuperato l'ordine con alcuni bei sorpassi.

La frustrazione di Hamilton nonostante il miglioramento del ritmo

È stata una giornata contrastata per il sette volte campione del mondo Hamilton. Con la sua Mercedes ha fatto il terzo posto nei primi giri e, pur non avendo il passo di Leclerc - in tutta onestà, nessuno l'ha fatto - è riuscito a stare più vicino alle Red Bull di quanto non sia mai stato finora in questa stagione.

Ma non è stato in grado di tenere dietro la Red Bull di Perez e poi è rimasto indietro rispetto al compagno di squadra Russell durante i pit stop, dopo che il più giovane britannico è riuscito a guadagnare tempo effettuando il pit stop durante il periodo di safety car in seguito al testacoda di Vettel e al contatto con il muro all'uscita della Curva 4.

Hamilton ha seguito Russell fino alla bandiera negli ultimi giri, avvicinandosi ma senza mai tentare un sorpasso. Non era chiaro se ci fossero ordini di scuderia, ma Hamilton ha aggiunto una nota intrigante dicendo alla radio dei box: "Mi avete messo in una posizione difficile".

Il P3 è il primo podio di Russell per la Mercedes e il secondo della sua carriera, dopo il P2 per la Williams nel Gran Premio del Belgio del 2021.

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

Analisi della gara: GP d'Australia F12022 - Su e giù.

SU

Charles Leclerc

La vittoria di Leclerc a Melbourne è stata senza dubbio la vittoria più dominante in una gara di F1 che abbiamo visto da un bel po' di tempo a questa parte, e senza dubbio la più grande affermazione della stagione finora.

Ha preso facilmente un distacco da Verstappen all'inizio della gara e nelle ripartenze dopo entrambi i periodi di safety car.

Ha avuto un piccolo tentennamento alla seconda ripartenza con la safety car, ma si è ripreso rapidamente e ha dimostrato che, se Verstappen non si fosse ritirato, avrebbe avuto un ritmo più che sufficiente per rimanere in testa alla gara.

Leclerc vince il GP d'Australia F1 2022_ 71 punti in campionato

Il suo giro più veloce all'ultimo giro, per respingere l'ultimo tentativo di Fernando Alonso (che non sarebbe comunque valso un punto), è stato la ciliegina sulla torta di un weekend perfetto, dal quale esce con un vantaggio di 34 punti in classifica.

LEGGI:LA DEPORTANZA E L'EFFETTO SUOLO SPIEGATI

Mercedes

Considerando il fine settimana infelice di Hamilton a Gedda e il timore, dopo le prove, di perdersi nella serrata lotta a centrocampo della F1, la Mercedes sarà lieta di arrivare terza e quarta per la seconda volta in tre gare.

Sia l'Alpine che la McLaren sono sembrate più veloci della Mercedes in vari momenti del weekend - comprese le McLaren nella fase iniziale della gara - ma alla fine degli stint, la Mercedes era quasi alla pari con la Red Bull e ben distanziata dagli avversari di metà classifica.

Nessuna squadra è uscita da Melbourne con più punti della Mercedes, che è riuscita a superare la Red Bull nella classifica costruttori, mentre George Russell è salito al secondo posto nella classifica piloti.

GP d'Australia F1 2022, podio per Russell e Mercedes, Melbourne

Potrebbe essere un momento doloroso per l'otto volte campione del mondo costruttori, ma la squadra sta attualmente limitando i danni in modo eccellente.

LEGGI: COEFFICIENTE DI RESISTENZA AERODINAMICA DELLE FORME - RESISTENZA ALLA PRESSIONE E FATTORE DI FORMA

McLaren

Sarebbe leggermente tentato di mettere la McLaren nella categoria dei perdenti oggi, dato che una delle sue vetture ha squalificato entrambe le Mercedes e sembrava che avesse il passo per sfidarle o batterle, ma ha finito quinta e sesta mentre Russell è stato terzo.

Ma - si spera, per la McLaren - ci saranno giorni in cui sarà giusto essere frustrati per un podio perso e non felici per un doppio piazzamento nei primi sei.

Nel contesto di quanto accaduto finora nella stagione di F1 2022 della McLaren, il quinto e il sesto posto a Melbourne sono un risultato brillante.

McLaren si presenta al GP d'Australia con un lego F1 a grandezza naturale

La preoccupazione è che, visto che la squadra ha fatto il suo salto di qualità grazie asolo di essere in un circuito diverso, quanto sarà sostenibile.

LEGGI: COS'È IL PORPOISING F1 SPIEGATO

GIÙ

Max Verstappen

Due errori in tre gare non sono il modo in cui Verstappen avrebbe voluto iniziare la sua difesa del titolo di F1. Ma ciò che è ancora più preoccupante è la velocità con cui Leclerc e la Ferrari sono riusciti ad andare in gara.

I due sono apparsi abbastanza vicini in qualifica, ma domenica Verstappen non ha saputo rispondere al ritmo di Leclerc, anche prima di ritirarsi dal secondo posto. Ha lottato con il graining degli pneumatici e non ha avuto il suo solito vantaggio su Perez.

F1 2022, GP d'Australia: Verstappen fuori per un altro guasto al motore! Albert Park

Ora è a 46 punti di distanza dal leader del campionato Leclerc e, anche se la sua difesa del titolo non è affatto finita, la strada per il ritorno sarà lunga e i problemi di affidabilità continueranno a incombere.

Carlos Sainz

La stagione 2022 di Sainz non stava andando molto bene prima di Melbourne, ma sulla carta aveva comunque ottenuto un paio di podi che rendevano il suo deficit di ritmo nei confronti di Leclerc un po' più tollerabile.

Ma tutto è cambiato questo fine settimana, con una qualifica e una gara da incubo che si sono concluse con l'abbandono della ghiaia dopo essere scivolato dal 14° posto nelle prime fasi.

Sainz fuori dal GP d'Australia F1 2022. Molto male.

Rischia di uscire rapidamente dalla lotta per il titolo già in questa fase iniziale e dovrà sperare che la stagione europea lo riporti alla forma del 2021, altrimenti la Ferrari comincerà presto a puntare su Leclerc.

Aston Martin

Sebastian Vettel: guasto al motore, multa per aver guidato uno scooter in modo inappropriato, FP2 saltate, grande incidente nelle FP3, qualifiche quasi perse, nella ghiaia all'inizio della gara, a muro poco dopo.

Lance Stroll: Caduta nelle FP3, incidente in qualifica che ha distrutto una Williams e ha fruttato una penalità meritata, una penalità per aver sbandato in gara, anche un po' di sbandamento, niente punti.

L'Aston Martin è molto lontana dal ritmo e i suoi piloti stanno peggiorando la situazione. Vettel ha un po' di tempo di grazia, visto il suo inizio di stagione in ritardo, ma anche in questo caso è stato chiaro che non era in grado di gestire la macchina nei pochi giri che ha fatto, tra incidenti e guasti.

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

I 4 segreti del motore Mercedes. Analisi tecnica.

Classifica dei punti del Campionato mondiale di F1 2022 dopo il GP d'Australia a Melbourne - Albert Park.

Dove volete condividere questo post?