|Analisi della gara del 2022:

La Ferrari conquista i primi posti e Charles Leclerc vince, mentre le Red Bull vacillano

race results and analysis Bahrain GP 2022 F1 - Leclerc wins

Sconto e codice promozionale per i nostri lettori: Soluzione e politica sui cookie.

Risultati del GP di F1 2022: Leclerc vince il selvaggio GP del Bahrain 2022

Leclerc: "Voglio credere al titolo"

Probabilmente nemmeno nel caso più "estremo". sogni sarebbe la Ferrari ambiente hanno sperato in una doppia vittoria all'alba (GP del Bahrain 2022) della nuova generazione di Formula Uno. Sin dal primo giorno di test spagnoli si è capito che la F1-75 era un solidoauto molto solida. È veloce. Risolti i problemi iniziali di pompaggio aerodinamico, la Rossa è stata in grado di dispiegare immediatamente i suoi potenziale tecnico che è stato costruito su un mix letale per la concorrenza: efficienza aerodinamica, stabilità in curva e un unità di potenza che spinge come un toro.

LEGGI: COME FUNZIONA LA F1 DRS?

L' Il motore è uno dei segreti di questa monoposto.. E la conferma arriva anche dalle brillanti prestazioni dei team clienti. Un lavoro che parte da lontano, da quell'accordo riservato con la FIA che aveva "azzoppato" una power unit che aveva messo in difficoltà la concorrenza a causa di prestazioni irraggiungibili, soprattutto in qualifica. Maranello ha dovuto ingoiare bocconi molto amari in un 2020 molto nero e in un 2021 chiuso al quarto posto senza la gioia di un trionfo sul palcoscenico.

F1: Leclerc wins Bahrain GP as Ferrari enjoys 1-2 finish - race analysis

Oggi (GP del Bahrain 2022) è il giorno in cui la Ferrari ha raccolto i frutti di un lavoro duro e scrupoloso. Questo è il momento in cui anche Mattia Binotto, il team principal che è stato spesso sul banco degli imputati, ha dimostrato che puntare dritto al nuovo contesto normativo non è stato un errore. Ovviamente una rondine non fa primavera. La Ferrari ha vinto il primo turno di una gara in 23 tappe. Sarà un percorso lungo contro avversari agguerriti che stanno ancora scontando la dura lotta del 2021 che probabilmente ha distratto fondi e lavoro in chiave 2022. Ma Red Bull e Mercedes hanno tutte le carte in regola per tornare al vertice. A Maranello lo sanno bene.

LEGGI:LA DEPORTANZA E L'EFFETTO SUOLO SPIEGATI

Volendo fare un po' i pignoli sulla domenica della Ferrari, si potrebbe dire che la squadra dovrebbe controllare il motivo per cui Carlos Sainz è sembrato tornare al suo ritmo del venerdì dopo aver raggiunto il livello di Charles Leclerc in tempo per le qualifiche.

Ma questa è stata l'unica cosa che assomiglia a una macchia nel suo libro di testo e, almeno per le prossime 24 ore, sarà impossibile preoccuparsene.

La Ferrari ha dei precedenti per essere sembrata insolitamente competitiva in Bahrain (ciao, 2019), ma per ora dobbiamo basarci solo sul Bahrain e sulle prove: la F1-75 è stata la vettura più veloce in gara e il team ha guadagnato ben 44 punti su quello che al momento sembra essere il suo rivale più vicino.

E che gioia anche per Leclerc. Se il 2021 ha fatto sì che alcuni dimenticassero quanto sia bravo il monegasco, ecco il più tempestivo dei promemoria: un trionfo estremamente sicuro, nonostante Max Verstappen abbia posto dei seri interrogativi nella battaglia ruota a ruota.

LEGGI: L'AERODINAMICA DI UN'ALA POSTERIORE DI F1 - CFD SPIEGATO NEL MOTORSPORT

Leclerc:

"È stato difficile, ma è stato bello. Era una gara al limite, difficile. Ma ci siamo sempre dati spazio a vicenda, il che è stato piacevole, e seguirlo alla curva 2 è stato un po' più prevedibile di quanto mi aspettassi rispetto all'anno scorso, quindi è stato positivo.

"Frenavo sempre molto presto alla curva 1 per ottenere il DRS per la curva 4 e ha funzionato, per tre volte di seguito, così ho potuto mantenere il mio vantaggio. Ma è stato sempre molto difficile anche perché ho avuto problemi con l'energia [ERS] e ho dovuto gestire anche quella".

Ferrari's Leclerc Wins Bahrain GP 2022 F1, Verstappen Retires

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

Analisi della gara: GP del Bahrain 2022 - le altre squadre.

MERCEDES

Dopo la partenza è stato subito chiaro che i peggiori timori della Mercedes non si sono avverati. Lewis Hamilton si è messo subito a tormentare Sainz (prima di essere passato con facilità da Sergio Perez), mentre George Russell non ha avuto problemi a superare Kevin Magnussen, confermando che la Mercedes non era almeno fuori dai primi tre in termini di ritmo al GP del Bahrain 2022.

LEGGI:LA DEPORTANZA E L'EFFETTO SUOLO SPIEGATI

La W13 non è stata chiaramente abbastanza veloce per il terzo e il quarto posto, ma non è stato un risultato del tutto scandaloso viste le prove di inizio gara, soprattutto perché è sembrata piuttosto abile nei primi stint.

Ma al di là di questo, la notizia migliore per la Mercedes è che questo le fa guadagnare tempo. Hamilton ha avvertito che non si tratterà di una "rapida inversione di tendenza", ma nel frattempo c'è già un discreto bottino di punti in classifica, soprattutto se confrontato con il clamoroso zero della Red Bull.

Gioire per un terzo e un quarto posto. No, non eravamo abituati a una cosa del genere quando abbiamo guardato in casa Mercedes. Nelle precedenti otto stagioni, quelle del dominio quasi definitivo, un risultato come quello del GP del Bahrain sarebbe stato accolto con musi lunghi e con la necessità di chiedersi cosa fosse andato storto. Il podio di ieri è invece una boccata di speranza in un momento molto delicato per i campioni del mondo in carica.

Inutile negarlo: senza il doppio, clamoroso, fallimento delle RB18 di Max Verstappen e Sergio Perez, staremmo discutendo di un quito e sesto posto con distacchi dalla vetta di entità siderali che sono stati annullati dalla safety car deliberata per il problema alla power unit dell'Alfa Tauri di Pierre Gasly.

LEGGI: COEFFICIENTE DI RESISTENZA AERODINAMICA DELLE FORME - RESISTENZA ALLA PRESSIONE E FATTORE DI FORMA

Hamilton F1 2022 Bahrain GP on the podium

TORO ROSSO

Il campione del mondo di F1 Max Verstappen ha dichiarato di aver avuto problemi ai freni nel GP del Bahrain 2022, prima ancora di subire danni allo sterzo e poi il problema al flusso di carburante che ha causato il suo ritiro all'ultimo momento.

Entrambe le Red Bull di Verstappen e Sergio Perez si sono ritirate negli ultimi giri a Sakhir con quelli che il team ritiene essere problemi identici legati all'alimentazione della vettura.

LEGGI: COME FUNZIONA LA F1 DRS?

Altri team hanno avuto problemi in quella fase, ma li hanno riscontrati nei test durante le simulazioni di gara, cosa che la Red Bull non ha fatto.

Verstappen era secondo in quel momento, dopo aver combattuto per tutta la gara con il ferrarista Charles Leclerc, mentre Perez era appena salito in terza posizione dopo il ritiro di Verstappen quando ha avuto un problema e si è girato alla curva 1 all'ultimo giro.

La Red Bull ritiene che il problema allo sterzo segnalato da Verstappen prima della safety car tardiva fosse dovuto a un danno alla biella della pista subito quando la vettura è stata fatta cadere a terra durante l'ultimo pitstop.

Horror start for Red Bull, Verstappen and Perez retired in Bahrain: It's painful

McLAREN

È stato oggettivamente terribile. Tanto che il 14° e 15° posto alla fine sembrano una vittoria relativa, visto che Lando Norris e Daniel Ricciardo erano 18° e 20° per merito all'inizio.

Sembrava che stessero curando le loro auto non competitive per tutto il tempo, e il traffico radiofonico morigerato e sardonico di Norris non lasciava presagire nulla di buono.

HAAS - KEVIN MAGNUSSEN

Magnussen è stato comodamente il "migliore degli altri" per tutto il Gran Premio, dopo aver azzeccato la partenza e aver brevemente preceduto Perez prima di assestarsi al settimo posto dietro i primi tre team.

Pierre Gasly lo ha brevemente spodestato quando Magnussen è uscito dall'ultimo pitstop previsto, ma il danese ha rapidamente ripassato l'AlfaTauri per riprendere la sua posizione.

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

Magnussen ha poi gestito la safety car a fine gara e quando entrambe le Red Bull si sono ritirate il suo settimo posto si è trasformato in un quinto posto finale, il suo migliore dal Gran Premio d'Austria del 2018.

Il GP del Bahrein 2022 si è rivelato un vero e proprio ritorno da favola per Magnussen e tutti i segnali indicano che la favola continuerà anche dopo la fine del weekend sia per Magnussen che per il suo team Haas, e questo non può che essere un bene per la F1.

Formula 1 | Haas, incredible Magnussen and Schumacher

ALFA ROMEO

Bottas had a rollercoaster of a race with two defining moments that propelled him backwards and then forwards.

He’d qualified in an excellent sixth place alongside his ex-Mercedes team-mate Hamilton, but a poor getaway dropped him down to 14th place.

Tsunoda did pit but Bottas looked to be on for just a point at best until the late-race safety car lifted him to eighth and the double Red Bull DNF ensured he finished an excellent sixth on his debut for Alfa Romeo.

On the evidence of his opening race weekend with the team, Bottas has really taken to the challenge of stepping back to a midfield car, even if he once again spent far too long stuck behind a slower car.

I 4 segreti del motore Mercedes. Analisi tecnica.

Le parole del pilota: interviste dopo il GP Bahrain 2022 di F1.

Charles Leclerc: 

“I’m really happy, the last two years have been incredibly difficult for the team. We knew this was going to be a great opportunity for us, the guys did an incredible job delivering this fantastic car to us. We started in the best possible way, with pole, victory, fastest lap and a double with Carlos. Thanks to all the fans who have not stopped supporting us in these two difficult years, it’s incredible to be back at the top. ”

Max Verstappen: 

“I am disappointed – said Verstappen – the worst scenario happened, the car died. I could have finished in second place, but the problems I had in the car were getting worse and worse. I don’t know if Perez and I had the same problem, even if you don’t win, it is important to score points and retiring with both cars, in the end, is extremely painful ”.

Carlos Sainz:

“Congratulations to Charles and Ferrari. Ferrari is back for real, with a good double, and these are the places the team should always occupy. With hard work we have managed to get back to the top. I don’t want to lie, for it was a difficult day for me, I didn’t have the pace but I managed to hold on and in the end to bring home this double for the team. I have some work to do in the next few days, but I’m sure I’ll be back even stronger.”

Mattia Binotto: 

“Personally, I have never doubted the team. I know the group is strong because I have seen them work together after the problems of 2020 to try to improve. We did everything to be prepared and this is the best result we could have hoped for. It’s nice to know we can fight for the best result, now we’ll see how we behave on a different track like in Arabia. Then there will be Imola, I’m already thinking about the race in front of our tifosi.”

Christian Horner:

“Congratulations to Ferrari for today’s victory, for us she is frustrated because we were fighting with them. Maybe they were a little faster but two retirements is something terrible because they happened in the last two laps. Maybe both cars had a problem with the collectors, but until we take them apart we will know”.

F1 2022 Bahrain GP - Race results | Presticebdt

Dove volete condividere questo post?