The Promised Neverland (stagione 1): 88%

La recensione di The Promised Neverland

Perché è il miglior anime del 2019

Recensione di The Promised Neverland.

Se vi state chiedendo un anime psicologico da guardare, allora The Promised Neverland dovrebbe essere la vostra scelta, senza dubbio. La serie ha suscitato l'interesse di un pubblico più vasto, volume dopo volume. Il merchandising non può ancora competere con il gigantesco One Piece ma le vendite sono estremamente elevate per un nuovo arrivato come The Promised Neverland. La serie animata è composta da 12 episodi che coprono la storia fino al volume 37 del Manga, scritto da Kaiu Shirai. L'adattamento televisivo dell'anime è stato realizzato da CloverWorks e un seconda stagione è stato posticipato a gennaio 2021 a causa del COVID-19.

Solo una grande storia poteva essere scritta da un autore come Kaiu Shirai (immagine sotto). Sì, questo è un pen name (ossia artistico). Ambientato in un orfanotrofio, The Promised Neverland è un prodotto imbevuto di suspense, battaglie tattiche e intense limitazioni personali.

Kaiu_Shirai_Il_paesaggio_promesso

L'autore de L'isola che non c'è promessa, Kaio Shirai (nome d'arte del Mangaka)

In breve: The Promised Neverland. Un'ambientazione idilliaca.

L'intera storia si svolge all'interno dell' orfanotrofio Grace. Un idillio, un luogo apparentemente perfetto per gli orfani dove crescere e trascorrere la propria vita, in attesa dell'adozione da parte di una famiglia. È questa la sensazione che l'anime vuole trasmettere nelle fasi iniziali dell'episodio. La piacevole apparizione resiste a malapena per 20 minuti dell'episodio 1, quando viene rivelata la vera natura dell'orfanotrofio. La casa di Grace Field, diretta dal custode "Mamma" Isabella è letteralmente una fattoria per crescere i bambini. I tre protagonisti principali Ray, Emma e Norman devono allestire il più eccitante piano di fuga degli ultimi tempi. Non lasciatevi ingannare dall'aspetto "infantile" dei personaggi, non rimarrete delusi! Attenzione, spoiler in basso! Cominciamo con la Recensione di Promised Neverland!

I personaggi de "The Promised Neverland".

Ray, Norman ed Emma sono i tre ragazzi eccezionali che ottengono punteggi perfetti nei test individuali. Il trio è costituito da 3 personalità diverse che si completano a vicenda. Analizziamoli in modo più approfondito.

I personaggi della recensione di The Promised Neverland

Norman, Ray e Norman nell'Isola che non c'è.

Emma.

Lei è la parte volitiva all'interno della Grace Field House. Rappresenta il non arrendersi mai come mentalità. La sua energia positiva influenza i ragazzi che la circondano, fino a imporre una fuga di massa dall'orfanotrofio. Un piano in cui nessuno, nemmeno i fratelli più piccoli devono essere lasciati indietro. Durante gli episodi, diventa capace di controllare la sua impulsività per superare in astuzia Isabella, la "mamma".

Ray.

Se posso fare un facile paragone, Ray è il Sasuke Uchiha di The Promised Neverland. È il vendicativo del trio, quello che fin dall'infanzia si è trovato in difficoltà a causa del suo passato. Fin dall'inizio il suo piano di fuga è anche un piano di suicidio per se stesso. Le pressioni mentali che sono state esercitate su di lui nel corso degli anni hanno determinato questa decisione. Tuttavia, nella prospettiva dell'intera trama, un ragazzo intelligente come Ray non può crollare sotto il peso di un'intera vita passata a fare spionaggio. Ray, il bambino vero di Isabella, scopre dentro di sé la forza per andare avanti.

Norman.

Il più tattico. Nonostante le sue (scarse) capacità fisiche, supera tutti i fratelli nel gioco dell'inseguimento. Infatti, come Ray spiega, quel gioco è più un gioco tattico che fisico. Norman è il personaggio più difficile da analizzare a causa della sua impareggiabile capacità di comprendere la mente degli altri. Grazie alla sua relazione con Emma, va al di là del semplice approccio razionale. Nel suo piano, sceglie l'opzione del sacrificio di sé per salvare i suoi compagni. Il ruolo di Norman è fondamentale per capire come superare la presenza del crepaccio che circonda la Grace Field House.

La promessa di neverland emma ray collab wallpaper 1920x1080 41215 48 e1588269589971

L'istituto dell'evasione.

Il orfanotrofio Grace. Un nome perfettamente scelto nel tipico linguaggio da neolingua. La "casa della grazia" diventa l'ultimo porto prima della morte per gli orfani. Come sottolineato in altri film distopici, come ad esempio " Psycho-Pass, alcuni punti di contatto con i capolavori letterari di George Orwell possono essere trovati. I bambini sono chiamati "bestiame" dalla mamma. Vengono nutriti come animali in un che, quando sono pronte, vengono inviate ai consumatori. In questo contesto, l'orfanotrofio diventa una prigione come in 1984. Emma, Ray e Norman sono per tutto il tempo sotto sorveglianza. Non possono fidarsi di nessuno fino alla fine. Inoltre Ray rivela di essere la spia di Isabella all'interno della Grace Field House. Tutti questi elementi contribuiscono a trasmettere la suspense e la tensione nel pubblico. È quel brivido che tiene incollato lo spettatore alla serie anime.

The Promised Neverland stagione 2, anticipazioni e curiosità

The Promised Neverland: Isabella. Il diavolo nascosto in un sorriso.

l'Isola che non c'è promessa - Ninna nanna

L'affascinante imitazione di Isabella.

In questa recensione di The Promised Neverland dobbiamo evidenziare i seguenti elementi:l' eccezionale caratterizzazione dell'antagonista, Isabella. Il suo comportamento è sempre ben ponderato. Il suo atteggiamento non supera mai i limiti, come i suoi capelli perfettamente legati. Solo alla fine della serie, quando la vediamo sciogliersi i capelli, mostra i suoi veri sentimenti. Isabella è non un personaggio malvagio nel senso puro del termine. Come spiega bene negli episodi finali, tiene davvero ai suoi figli. Ma a differenza di Emma, la sua volontà non era abbastanza forte da piegare la fede (ricordate il dialogo con la nonna). È il personaggio che ha accettato il ruolo di mamma. La contraddizione si stabilisce sul contrasto dell'essere una mamma che alleva figli "di carne".

La fragilità di Isabella.

Isabella è il cattivo che The Promised Neverland merita. È un'adulto che ha lo stesso desiderio degli orfani di cui si prende cura. Isabella è quella che alla domanda "Siete felici?", esita a rispondere. La mimica facciale di Isabella è qualcosa di unico. Quei sorrisi perversi, comunicano immediatamente il suo squilibrio mentale. In quegli occhi, la disperazione di essere mamma è compresa.

Come controparte, la sorella Krone non è allo stesso livello di mamma Isabella. Questo costituisce un piccolo difetto all'interno dell'anime.

Quale futuro per Norman? Demoni e The Promised Neverland 2.

La seconda stagione di The Promised Neverland uscirà a gennaio 2021. Che dire di Norman? È davvero morto? Secondo me, un pilastro di personaggio come Norman è fondamentale per lo sviluppo della storia. Tutti gli sforzi fatti per introdurre la sua complessa personalità non possono essere sprecati. Per questo motivo mi aspetto che Norman torni. Inoltre, la seconda stagione dovrà rivelare molto sul cattivo principale della serie, ossia i demoni che si nascondono oltre il confine. In effetti, non sappiamo nulla del mondo esterno (Citazione di Attack on Titan). Una stagione più dinamica deve arrivare!

Recensione di The Promised Neverland. Pensieri finali.

Il The Promised Neverland contiene tutti gli ingredienti per un anime di successo ed emozionante. È un anime così completo da poter sacrificare il "lato azione". L'attenzione è rivolta sui sentimenti che legava il nostro trio, Emma, Ray e Normal. La compassione dei fratelli e delle sorelle per l'altro, il vero senso di fratellanza sono il punto chiave di questa prima stagione. Il comparto musicale (ricordate La ninna nanna di Isabella?) è eccezionale. Alimenta letteralmente il senso di suspense. La percezione di oppressione traspare nel corso dell'intera serie. La situazione sembra più volte travolgere i protagonisti, che si trovano nella posizione di sfavoriti. Tuttavia, la livello di astuzia mostrato dai ragazzi è qualcosa di molto stimolante per il pubblico. In un lasso di tempo molto breve (12 episodi), The Promised Neverland si afferma come una serie capolavoro.

schermo 1

Cosa ne pensate della recensione di Promised Neverland? Scriveteci nei commenti!

Vuoi leggere Psycho-Pass (stagione 1) l'analisi?

Vuoi leggere Death Note: un finale controverso (Parte 2)?

Le classifiche

L'isola che non c'è (stagione 1)

COMPLESSITÀ E SIGNIFICATI NASCOSTI (TRAMA)
0%
COERENZA DELLA TRAMA
0%
SUONO E MUSICA
0%
GRAFICA E DISEGNI
0%
Dove volete condividere questo post?