Battaglia a distanza tra Hamilton e Verstappen

F1 GP del Qatar 2021 - analisi della gara

F1 GP Qatar Hamilton- Verstappen, Alonso super

Sconto e codice promozionale per i nostri lettori: Soluzione e politica sui cookie.

Hamilton vince da solo, Verstappen secondo in rimonta

Lewis Hamilton ha ottenuto due vittorie consecutive nel primo Gran Premio del Qatar di Formula 1, avvicinandosi ancora una volta al leader del campionato Max Verstappen, mentre la stagione si avvicina rapidamente alla conclusione. Autosport ha raccolto i principali punti di discussione, mentre i rapporti tra le squadre rivali della Mercedes e della Red Bull si sono ulteriormente deteriorati, i piloti si sono lamentati per le regole poco chiare e una leggenda della F1 ha posto fine a un'attesa di sette anni per il podio.

Lewis Hamilton è ancora in svantaggio nella lotta per il campionato mondiale di Formula 1 2021, ma il pilota della Mercedes ha lanciato il guanto di sfida a Max Verstappen e alla Red Bull con una seconda vittoria dominante in Qatar.

Dopo la vittoria di Verstappen in Messico, Hamilton si è rianimato e a due gare dalla fine è ancora tutto da giocare nel campionato piloti, anche se un DNF per Valtteri Bottas ha aiutato la Red Bull a chiudere la gara dei costruttori.

LEGGI: CALCOLATORE GRATUITO DEL PRECARICO DI VITI E BULLONI - STRUMENTO DI CALCOLO MECCANICO - COPPIA DI SERRAGGIO

Il distacco è sceso a soli otto punti e la Red Bull non ha avuto alcuna risposta al ritmo della Mercedes in Qatar. Considerando che questa era la pista che preoccupava di più la Mercedes durante la fase di rodaggio, la prestazione sarà un'enorme iniezione di fiducia.

Anche Hamilton sembra essere in una delle sue corse difficili da battere, con Wolff che ha indicato la battuta d'arresto di sabato a Interlagos come un'occasione di successo.che ha fatto scattare la scintilla all'interno del sette volte campione del mondo..

Toto Wolff:

"Hanno risvegliato il leone il sabato a Interlagos. "È assolutamente in forma, brutale e a sangue freddo. Questo è il meglio di Lewis, e lo abbiamo visto in passato".

F1 GP Qatar 2021 Hamilton vince, 2° Verstappen e 3°Alonso

Anche senza la penalità, il secondo posto era il massimo per Verstappen

La penalità in griglia di Verstappen per non aver rallentato in caso di bandiere gialle può averci negato un possibile momento di affiancamento con i contendenti al titolo alla curva 1. Ma per quanto riguarda il ritmo complessivo, non ha influito molto sul risultato finale. Ma per quanto riguarda il ritmo complessivo, non ha avuto un grande peso sul risultato finale.

Come in Brasile, anche in Qatar la Red Bull non ha avuto il passo della Mercedes, tanto più che quest'ultima non ha utilizzato il motore fresco di Interlagos. Verstappen è partito bene e si è trovato a meno di quattro secondi da Hamilton una volta arrivato in P2, ma poi ha avuto poche possibilità di colmare il divario.

Le prospettive per la Red Bull sono preoccupanti. La squadra ha fatto un passo indietro dopo il Messico e non può imputarlo solo alla forma della Mercedes. Il vantaggio che faceva sembrare il campionato di Verstappen da perdere, ora ha fatto sì che il suo titolo sembri più in bilico.

Gedda sarà un'incognita per tutti i team, ma lo era anche il Qatar. La Red Bull deve assicurarsi di non dover affrontare difficoltà simili durante il fine settimana, altrimenti potrebbe andare ad Abu Dhabi con la necessità di ottenere un risultato per negare alla Mercedes il titolo.

 Losail, Verstappen GP Qatar F1 2021 penalità

Il podio di Alonso è il motivo per cui è tornato in F1

Molto è cambiato dal Gran Premio d'Ungheria del 2014. All'epoca, Hamilton era un semplice campione del mondo per una sola volta, Verstappen era un pilota di Formula 3 che non aveva ancora messo piede su un'auto di F1 e il nuovo grande talento della Ferrari era Jules Bianchi.

L'attesa di sette anni di Fernando Alonso per il suo 98° podio in F1 si è finalmente conclusa in Qatar, dove il 40enne ha segnato il suo ritorno in F1 con un terzo posto finale. Il risultato è stato favorito da una foratura di Bottas e dalla Virtual Safety Car che ha fermato la carica di Sergio Perez, ma ha comunque richiesto tutta la sua esperienza per curare le gomme ed eseguire l'insidioso one-stop.

Era giusto che Alonso avesse almeno un podio da mostrare per un'impressionante stagione di ritorno che ha probabilmente raggiunto il suo apice con la sua difesa contro Hamilton in Ungheria - che ha favorito la spinta alla vittoria del compagno di squadra Esteban Ocon - e che avrebbe potuto fruttare una visita al rostro a Sochi se la pioggia non si fosse intensificata, dopo aver dato prova della sua classe nelle condizioni inizialmente intermedie.

Dopo aver lasciato la F1 nel 2018 dopo tre anni di lavoro alla McLaren, molti si sono chiesti se avremmo mai rivisto Alonso in F1. Nel suo periodo di assenza, è riuscito a vincere il titolo di Campione del Mondo Endurance per la Toyota, insieme a una doppietta alla 24 Ore di Le Mans, anche se ha trovato la 500 miglia di Indianapolis un ostacolo più difficile da superare.

Quest'anno è apparso un uomo più in pace con se stesso rispetto alla figura spesso agitata che spesso proclamava che le corse fino al 15° posto in una McLaren-Honda malridotta erano tra le sue migliori di sempre, sapendo che un arrivo a punti rappresenta una buona giornata in ufficio per Alpine. Ma, come è sempre stato per lo spagnolo, ogni volta che c'è il minimo sentore di un risultato si anima e lo massimizza senza pietà. Il Qatar ne è stato un esempio e ha dimostrato esattamente il motivo per cui è tornato in F1.

F1 GP Qatar: straordinario Alonso, 40 anni e podio record a Losail. Nel 2014 l'ultimo podio con la Ferrari

Alonso senza limiti: "Nel 2022 potrò lottare per il Campionato del Mondo"

"Nel 2022 sono pronto a lottare per il titolo mondiale - ha detto il classe 1981, che con il ritiro di Kimi Raikkonen nel 2022 sarà il pilota più anziano sulla griglia di partenza per distanza - anche se è difficile prevedere cosa accadrà nei prossimi anni. Di sicuro tutti i team avranno le stesse possibilità sulla carta, quindi sta a noi progettare una vettura che sia abbastanza veloce".

Come la Ferrari, anche Alpine attende con grande trepidazione il campionato 2022, in cui le monoposto saranno rivoluzionate grazie al ritorno dell'effetto suolo. Inoltre, cambieranno anche gli pneumatici Pirelli, più stretti e da 18 pollici.

Risultati della gara. F1 GP del Qatar 2021.

Hamilton-Verstappen GP del Qatar Risultati gara F1 2021

Masi spiega il caos generato dalle bandiere gialle

Per la seconda volta negli ultimi tre appuntamenti del campionato, le qualifiche di Max Verstappen e della Red Bull sono state in qualche modo compromesse da un incidente causato da un'AlfaTauri. Prima del k.o. di Pierre Gasly in Qatar alla fine della Q3, un evento simile si era infatti verificato in Messico con Yuki Tsunoda, che aveva costretto l'olandese, ancora leader del mondiale, a rallentare. A differenza di quanto accaduto in Centro America, però, nel primo appuntamento in Medio Oriente la circostanza è stata ben diversa, e ancora più deleteria per Mad Max.

In particolare, infatti, a pochi secondi dalla fine della Q3 si è verificata una foratura e un danneggiamento dell'ala anteriore della vettura del francese, che ha poi parcheggiato la sua auto a bordo pista lungo il rettilineo di partenza. In un primo momento, subito dopo l'uscita dalla penultima curva della numero 10 dell'AlfaTauri - dove si è verificato l'incidente - i piloti in pista hanno ricevuto il segnale di bandiera gialla, che in realtà è apparso anche sui monitor. Questi ultimi, tuttavia, sono stati immediatamente cancellati e riattivati in un secondo momento dopo l'esposizione della bandiera gialla da parte dei commissari di percorso. In questo modo, oltre a generare una certa confusione in pista, alcuni piloti non hanno visto in tempo il segnale di pericolo, tanto da poter attivare il DRS, grazie all'assenza di avvisi anche sul volante.

Una situazione di caos che è stata però "fatale" sia a Verstappen che a Bottas; mentre quest'ultimo ha subito tre posizioni di penalità in griglia per non aver rallentato sotto la singola bandiera gialla, l'olandese della Red Bull è stato invece retrocesso di cinque posizioni, grazie al mancato rispetto della doppia bandiera gialla. Una decisione, presa dalla Direzione Gara poco prima dell'inizio del GP, che ha mandato su tutte le furie il team principal della casa austriaca Christian Horner, a sua volta autore di frasi offensive nei confronti della FIA e dei commissari di pista, ai quali il manager della Same British ha successivamente rivolto le sue scuse.

 Campionato mondiale di F1 - GP del Qatar Caso bandiera gialla Masi

Per quanto riguarda quanto accaduto in qualifica, il direttore di gara Michael Masi ha spiegato quando è successo con le comunicazioni dei commissari, analizzando l'episodio dopo la gara di Losail:

"Tutte le bandiere gialle sono esposte e segnalate a bordo pista - ha detto l'australiano - e sono sotto il controllo dei commissari di gara, così come in qualsiasi altro sport. Tuttavia, spetta ai commissari di percorso stabilire se si tratta di un caso di bandiera gialla singola o doppia, e lo giudicano sulla base di ciò che vedono davanti a loro. Le segnalazioni possono essere annullate dalla Direzione di gara ma, ovviamente, non istantaneamente. Prima che ciò accada, ci sono azioni che richiedono un attimo di tempo. Tuttavia, la questione è semplice: i commissari di pista hanno reagito istintivamente dopo aver analizzato ciò che hanno visto".

Hamilton: "Oggi è stata una gara solitaria".

"È stato un anno molto difficile, quindi è davvero una bella sensazione ottenere due vittorie consecutive a questo punto della stagione. È stata una gara piuttosto semplice per me, un po' solitaria, ma avevamo bisogno di questi punti e la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Un ringraziamento speciale va a tutti i ragazzi in pista e in fabbrica. Sono davvero grato per il risultato di oggi ed è incredibile essere riusciti a ridurre così tanto il divario con la Red Bull nelle ultime due settimane. Abbiamo ancora del lavoro da fare, ma la battaglia così serrata ci entusiasma. È stato un vero peccato che Valtteri si sia dovuto ritirare, ma il ritmo di questo fine settimana è stato solido e questo ci mette in una buona posizione per affrontare le prossime due gare. Non ci arrenderemo".

Leggi l'intervista a Lewis Hamilton  qui!!!

Bottas: "La mia macchina non era come quella di Lewis".

Dopo aver conquistato la pole position sul circuito di Losail, Lewis Hamilton ha vinto anche la prima edizione del Gran Premio del Qatar, accorciando ulteriormente il suo ritardo da Max Verstappen nella classifica del campionato a due gare dal termine. Ma mentre il britannico può gioire per il suo secondo successo consecutivo, lo stesso non si può dire per il secondo pilota della Mercedes, Valtteri Bottas, costretto al ritiro.

Il finlandese, oltre ad aver subito una penalità prima della partenza per non aver rispettato il regime di bandiere gialle in qualifica, non è riuscito a convincere durante la gara, terminata anch'essa in anticipo a causa dei danni riscontrati in seguito a una foratura, tanto da spingere il team a richiamarlo ai box per non peggiorare la situazione.

Isola: "Indagheremo per capire cosa è successo"

"L'anteriore sinistra è stata la più colpita - ha analizzato - ma non per un eccesso di energia o cose simili. I primi elementi che posso condividere sono che tutte le gomme erano abbastanza usurate, vicine a 100%. Abbiamo tagli sulle gomme che dobbiamo capire se sono stati causati prima o dopo la perdita di pressione. Stiamo aspettando i dati della telemetria dai team, che saranno un elemento davvero importante per capire se la perdita di pressione è stata improvvisa e quando si è verificata. Tutti i piloti sono riusciti a rientrare ai box, quindi hanno perso pressione ma in un tempo sufficiente per controllare la vettura e rientrare ai box. Non è un segreto che molti team abbiano subito danni anche al telaio, alla parte inferiore della vettura, alle ali, e quando uno pneumatico è usurato, è meno protetto dai cordoli e dagli impatti ad alta energia.

Faremo un'indagine e cercheremo di capire cosa è successo - ha ammesso - chiaramente con una gomma usurata e meno protetta dagli impatti continuiamo a punire il pneumatico. E poi, è stato un taglio? Ieri abbiamo visto cosa è successo con l'ala anteriore, abbiamo avuto diverse vetture danneggiate da altri elementi come pavimento, ali, telaio. Non vogliamo escludere nulla. Qualsiasi piccolo dattero, qualsiasi cordolo può causare una piccola foratura, e perdendo l'aria poi il pneumatico, quando è rotto, non è in grado di sostenere l'alto livello di energia che queste vetture stanno mettendo sulle gomme".

Isola F1 2021 Gp del Qatar problema con gli pneumatici Pirelli

Verstappen: "Mercedes legale? Difficile da sapere"

Nelle ultime settimane si è ulteriormente intensificata la battaglia politica e regolamentare tra Mercedes e Red Bull Honda, che hanno letteralmente preso in mezzo la Federazione tra ventilate lamentele, richieste di chiarimenti e ricorso al diritto di revisione e allusioni più o meno velate sulla stampa. La questione delle ali posteriori è diventata centrale nel dibattito, con la Red Bull che ha operato prima della gara in Brasile per motivi di sicurezza e la Mercedes di Hamilton squalificata per un'irregolarità nelle misure al termine delle qualifiche di Interlagos. Come previsto dai regolamenti vigenti, l'inglese è stato costretto a partire per ultimo, nonostante Toto Wolff abbia negato qualsiasi dolo nell'incidente, attribuendo la discrepanza a due bulloni mal avvitati. Sette giorni dopo in Qatar, la Red Bull è intervenuta nuovamente sulla vettura di Verstappen - questa volta dopo le PL3 - per sistemare l'ala "ballerina" e la Mercedes è stata messa nel mirino dai rivali, che hanno chiesto alla Federazione controlli più approfonditi sulla flessibilità del pezzo.

Gli uomini della FIA hanno effettuato nuove misurazioni "sperimentali", ma assicurano che nessuna vettura sarà squalificata se non verrà trovata conforme ai test di flessibilità. In conferenza stampa è stato chiesto a Max Verstappen se fosse 100% convinto della legalità della vettura Mercedes: "È difficile saperlo completamente, ovviamente. Ma non si tratta solo di ciò che sta accadendo ora, ma anche di ciò che è già stato fatto e di come si è corso nelle gare precedenti. Abbiamo le immagini e possiamo evidenziare alcune cose, ma speriamo di poter lottare bene da qui alla fine della stagione".

Marko: "La FIA nasconde l'incompetenza dando la colpa ai piloti"

La polemica più grande è nata per la gestione delle stesse bandiere gialle da parte dei commissari di gara. In pista c'erano infatti segnali contraddittori: un solo marshall che sventolava le bandiere a sinistra del rettilineo principale, un led verde acceso a destra, oltre a un'esposizione estremamente breve delle stesse bandiere di pericolo. Helmut Marko, eminenza grigia della Red Bull, intervistato da DAZN sulla griglia di partenza di Losail, non ha nascosto il suo risentimento proprio per questa mancanza di professionalità, a suo dire, dimostrata dalla Federazione stessa.

"È ridicolo - ha tuonato il dirigente austriaco - è noto che la FIA non riesce a organizzare un sistema di coordinamento adeguato [dei commissari] e nascondono la loro incompetenza dando la colpa al pilota. Incredibile".

FERRARI

Leclerc: "Una sorpresa vedere altri team così forti"

Non è stato il più memorabile dei weekend per Charles Leclerc. Il monegasco ha confermato il trend di questo finale di stagione, che lo vede da alcune gare un po' in calo. Ottavo posto in Qatar per il pilota della Ferrari, che ha concluso appena dietro al compagno di squadra Carlos Sainz. Certo, i problemi al telaio incontrati sabato non lo hanno aiutato: problemi che gli hanno impedito di entrare in Q3 in qualifica e, di conseguenza, lo hanno tenuto indietro in gara. Ma forse c'era spazio per ottenere qualcosa di più dei quattro punti, infatti Leclerc è sorpreso sia dal suo risultato che dalle prestazioni di Alpine, AlphaTauri (in qualifica) e persino Aston Martin, quest'ultima capace di portare due vetture a punti.

F1 - Gp Qatar 2021- Leclerc-Sainz Ferrari un solo pit-stop

LEGGI: PNEUMATICI: COS'È IL BLISTERING E IL GRAINING

"Nel primo stint ho dovuto adattarmi un po' al telaio, ma ero contento. Ho dovuto cambiare un po' tutte le impostazioni della vettura sul volante, ma una volta trovato il posto giusto in macchina mi sono trovato bene", ha detto a Sky Sport F1. "Il distacco da Mercedes e Red Bull era quello che aspettavamo. La sorpresa è stata quella di vedere una squadra in mezzo al gruppo andare così forte. Mi riferisco ad AlphaTauri e Alpine, sono stati una brutta sorpresa. Dobbiamo capire perché sono andati molto forte questo fine settimana".

How do Racing tyres work? What’s the working temperature? Check our article!