|F1 2022 GP Emilia Romagna| analisi della gara:

Verstappen guida la Red Bull 1-2 mentre la Ferrari vacilla in una gara ricca di azione come quella di Imola

F1 2022 Emilia Romagna GP Imola_ commenti e analisi_Verstappen vince_Sainz fuori_

Sconto e codice promozionale per i nostri lettori: Soluzione e politica sui cookie.

La Red Bull è tutt'altro che fuori dalla lotta per il titolo

A Imola, la Red Bull ha prodotto la risposta perfetta allo shock del Gran Premio d'Australia, dove Max Verstappen non è riuscito ad eguagliare Charles Leclerc per quanto riguarda il ritmo finale o la gestione degli pneumatici in gara, anche prima del suo ritiro.

In Italia è accaduto il contrario. La Red Bull è stata in grado di attivare i suoi pneumatici meglio del suo rivale rosso, che Verstappen ha utilizzato per ottenere la sua prima pole del 2022. Poi, nello sprint e successivamente nel GP, i suoi pneumatici sono rimasti in forma migliore, mentre la gomma di Leclerc si è sgranata.Sergio Perezdopo la sua lenta partenza sul bagnato sul lato meno aderente della griglia.

La Red Bull si è anche assunta il rischio di eseguire gli aggiornamenti anche con le prove ridotte del weekend sprint, cosa che la Ferrari non ha fatto, ed è sembrata soddisfatta dei risultati ottenuti con la nuova winglet della chiglia inferiore e con il raffreddamento dei freni rivisto. In particolare, nessun problema di affidabilità ha minacciato la magistrale corsa di Verstappen verso la doppia vittoria, mentre la RB18 è ora più vicina al limite di peso del 2022, un problema che ha fatto perdere tempo in tutte le gare di inizio stagione prima di Imola.

LEGGI: COME FUNZIONA LA F1 DRS?

F1 2022, GP dell'Emilia Romagna: vince Verstappen.

Un vecchio errore di mentalità porta al primo grande errore di Leclerc

Un'inversione di tendenza per la Ferrari: dal dominio di Melbourne al disastro in Italia, dove erano presenti alti dirigenti dell'azienda.

Il grande distacco di Leclerc da Verstappen in qualifica è stato aggravato dalle varie bandiere rosse della Q3, ma ha comunque colto l'occasione per portarsi in testa quando ha potuto, visto che il problema di sincronizzazione del cambio dell'olandese ha comportato una partenza lenta allo sprint. Tuttavia, il problema di bilanciamento della vettura della Ferrari - un altro elemento inverso rispetto a Melbourne, dove la Red Bull ha lottato con una gestione incoerente - ha fatto sì che scivolasse più di Verstappen. Questo ha portato al degrado del pneumatico anteriore e alla fine è stato ripassato.

Poi, nel GP, Leclerc, dopo aver rimontato dal quarto posto iniziale dietro a Lando Norris, non è riuscito ad avvicinarsi a Perez prima che si verificasse lo stesso problema alle gomme.

Desideroso di rimanere nel raggio d'azione del DRS con le soft e di fare la differenza in un pacchetto più lento, Leclerc ha spinto troppo alla Variante Alta ed è andato in testacoda dopo aver urtato i cordoli del primo apice. È stato fortunato a non finire nelle barriere all'esterno, in un incidente che ha ricordato i suoi primi incidenti della carriera in Ferrari (oltre a quello di Monaco dello scorso anno), da cui ha detto a Melbourne che la sua macchina, finalmente in grado di competere per il titolo, significava che sentiva di aver superato un simile errore.

La Ferrari ha bisogno di iniziare presto il suo percorso di sviluppo

La Ferrari è stata l'unica squadra a non portare un solo componente aggiornato allo scorso fine settimana. Lo ha fatto perché la riduzione delle prove nei weekend sprint significava che voleva evitare di dover valutare nuove parti e prepararsi per le qualifiche del venerdì sera, e in ogni caso le corse sul bagnato hanno anche ridotto il tempo di raccolta dei dati per le squadre. Ma la prima gara europea della stagione è un'occasione per i team di portare a casa i risultati.qualcosaper aiutare le loro cause dopo le prime fughe, cosa che Red Bull ha fatto a suo vantaggio.

Si può sostenere che se una squadra è sicura dei suoi aggiornamenti grazie al lavoro svolto in fabbrica, allora avere meno tempo a disposizione per le prove non dovrebbe essere un problema, ma la Ferrari ha comunque preferito aspettare ad aggiungere qualcosa di rilevante sin dai test pre-stagionali. Pertanto, la F1 sta ancora aspettando di vedere se è in grado di eguagliare la Red Bull nello sviluppo, cosa in cui la squadra di Verstappen è molto brava. E per il prossimo round di Miami, sembra che la Ferrari porterà un assetto a bassa deportanza piuttosto che un pacchetto di aggiornamenti importanti.

Il divario tra le due squadre di vertice è ancora molto ridotto, con i problemi di gomme che hanno fatto la differenza a Imola, quindi le modifiche che la Ferrari intende apportare alla sua vettura potrebbero essere decisive quest'anno. Da quello che si è visto a Imola, i rispettivi punti di forza naturali della F1-75 e della RB18 suggeriscono che la Ferrari dovrebbe essere la favorita a Monaco e in altri circuiti a bassa velocità, mentre la Red Bull sarà difficile da raggiungere a Baku e Monza. Anche Miami potrebbe favorire la Red Bull, a meno che la Ferrari non riesca a rendere il suo profilo di resistenza aerodinamica molto più efficiente.

LEGGI: L'AERODINAMICA DI UN'ALA POSTERIORE DI F1 - CFD SPIEGATO NEL MOTORSPORT

F1 2022- GP di Imola: disastro Ferrari

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

Analisi della gara: GP Emilia Romagna F1 2022 - Su e giù.

SU

MAX VERSTAPPEN E RED BULL

L'aver perso un solo punto nel secondo weekend più redditizio della storia della F1 - dietro solo al finale di stagione a due punti del 2014 - è stata esattamente la risposta che la Red Bull aveva bisogno dopo la delusione del ritiro di Verstappen nel GP d'Australia.

Grazie a un recupero in volata e a un risultato di qualifica inferiore alla media, Sergio Perez si è messo in posizione per la gara vera e propria e ha sfruttato al meglio la partenza per conquistare la seconda posizione, poi ha tenuto a bada Leclerc e ha ripassato la Ferrari quando era necessario.

La Red Bull è ora seconda nel campionato costruttori (dopo la volata di sabato) e ha recuperato moltissimo terreno sulla Ferrari. C'è ancora del lavoro da fare per quanto riguarda la classifica piloti, ma questo è stato il risultato più potente che si sia visto da qualche tempo a questa parte.

F1 2022, GP Imola: 100 Km of emotions in Emilia Romagna

Il suo giro più veloce all'ultimo giro, per respingere l'ultimo tentativo di Fernando Alonso (che non sarebbe comunque valso un punto), è stato la ciliegina sulla torta di un weekend perfetto, dal quale esce con un vantaggio di 34 punti in classifica.

LEGGI:LA DEPORTANZA E L'EFFETTO SUOLO SPIEGATI

GEORGE RUSSELL

La gara di Russell è stata fatta al via, ma da lì ha dimostrato esattamente ciò che era stato accennato nelle seconde prove del sabato mattina, ovvero che il passo della Mercedes non era così negativo come sembrava una volta che le era stata concessa un po' di aria pulita.

La Mercedes non può essere soddisfatta di essere apparsa ancora più lenta della McLaren e dell'Alfa Romeo in assetto da gara, ma il fatto che Russell sia riuscito a tenere a bada Valtteri Bottas nelle fasi finali ha reso la sua corsa al quarto posto ancora più impressionante.

Anche un distacco di oltre 40 secondi dal vincitore non era il massimo, ma il quarto posto sembrava il limite e Russell ha massimizzato le sue possibilità in gara partendo dall'11° posto in griglia. Questa guida sembra sempre migliore anche alla luce dell'incapacità di Lewis Hamilton di sfuggire al gruppo.

GP d'Australia F1 2022, podio per Russell e Mercedes, Melbourne

LEGGI: COEFFICIENTE DI RESISTENZA AERODINAMICA DELLE FORME - RESISTENZA ALLA PRESSIONE E FATTORE DI FORMA

LEGGI: COS'È IL PORPOISING F1 SPIEGATO

GIÙ

FERRARI

Proprio quando sembrava che Carlos Sainz fosse tornato sulla strada giusta dopo aver recuperato il quarto posto in volata, è arrivato il colpo di grazia sotto forma di contatto da parte di Daniel Ricciardo alla prima curva vera e propria della gara.

Anche con una vettura fuori gara e le Red Bull che sembravano intoccabili, nonostante i migliori sforzi di Leclerc per tenere Perez in vista, un comodo podio era a portata di mano.

Poi è arrivato il primo vero errore di Leclerc, che ha fatto sì che i 15 punti per il terzo posto diventassero otto per il sesto.

Sul suolo di casa, su una pista dove ci si aspettava che fosse la più veloce (anche se il tempo instabile ha reso l'ordine meno prevedibile), questo è stato un fine settimana lontano da quello che la Ferrari avrebbe sperato e che non può permettersi di ripetere tanto presto.

Sainz has 'no hard feelings' with Ricciardo after Imola crash – Motorsport Week

LEWIS HAMILTON

Toto Wolff ha fatto bene a scusarsi con Hamilton per lo stato in cui versa la Mercedes in questo momento attraverso la radio del team a fine gara. E ci sono state molte circostanze esterne nel fatto che Hamilton sia rimasto bloccato a centrocampo per tutta la gara e abbia concluso con un tredicesimo posto francamente sorprendente.

Ma non si può ignorare il fatto che Russell abbia fatto qualcosa di grandioso con le stesse materie prime. Nove posizioni di distacco dal suo leggendario compagno di squadra sono state assolutamente straordinarie per Russell, alla sua quarta gara come pilota completo della Mercedes.

Sono due gare su quattro in cui la Mercedes ha dato il peggio di sé e Russell ha ottenuto un risultato nettamente migliore di Hamilton. Questo non si riflette bene sul sette volte campione in questo momento. Ha ragione a considerare il suggerimento che Russell sia più bravo a gestire le avversità agonistiche come una pigra critica, ma non sembra una teoria priva di fondamento.

Pierre Gasly comfortably nullified Lewis Hamilton in frustrating DRS

DANIEL RICCIARDO

La McLaren dovrebbe comunque uscire da Imola soddisfatta delle sue prestazioni, ma in un altro fine settimana in cui Ricciardo ha mostrato un ritmo simile a quello di Norris, il fatto che non abbia ottenuto alcun punteggio nella gara vera e propria mentre il suo compagno di squadra ha conquistato un improbabile podio sarà difficile da digerire.

Il sesto posto in griglia e un buon lancio lo hanno messo in lizza, ma poi è arrivato il contatto con Sainz. Il resto è storia.

Ricciardo, salendo sul cordolo senza aiuto, è stato costretto ad allargarsi un po' di più del necessario per far passare due macchine in curva, ed è sembrato giusto che sia stato considerato un incidente di gara. Ma ha anche reso inutile la gara di Ricciardo, il cui unico contributo degno di nota è arrivato quando ha effettuato il primo pit stop per le gomme slick (che si è rivelato essere il momento giusto per passare).

Ricciardo apologises for Sainz crash at Imola as he opens up on 'painful' Emilia Romagna GP | Formula 1®

LEGGI: CHE COS'È L'ANGOLO DI CASTER?

I 4 segreti del motore Mercedes. Analisi tecnica.

Classifica dei punti del Campionato mondiale di F1 2022 dopo il GP dell'Emilia Romagna a Imola.

Dove volete condividere questo post?